Imprenditori agricoli

Con il termine di Imprenditori agricoli, si intendono diverse figure professionali operanti in agricoltura; a questo proposito la normativa vigente individua i seguenti casi:

  • Imprenditore Agricolo Professionale (IAP)
  • Imprenditore Agricolo non a titolo principale (cosiddetto “part-Time”) IANTP)
  • Imprenditore agricolo ai sensi dell’art. 2135 del Codice Civile (IA)
 
 

Riferimenti normativi

NORMATIVA NAZIONALE

 

NORMATIVA REGIONALE

 
 

Uffici Comunali

DIREZIONE POLITICHE ECONOMICHE, ABITATIVE E PROTEZIONE CIVILE – Ufficio Polizia Amministrativa
Piazza della Libertà 1 – 15121 Alessandria
1° piano lato via San Giacomo della Vittoria

Carlo Borromeo tel. 0131 515465

FAX 0131 515379

PEC:  suap@comunedialessandria.it

 

Modulistica

Riconoscimento della qualifica di Imprenditore Agricolo professionale (IAP) – persone fisiche

 
 

Riconoscimento della qualifica di Imprenditore Agricolo professionale (IAP) – società

 
 

Riconoscimento della qualifica di Imprenditore agricolo non a titolo principale (IANTP)

 
 

Riconoscimento della qualifica di Imprenditore agricolo ai sensi dell’art. 2135 del Codice Civile (IA)

 
 
 

F.A.Q. e altre informazioni

Quali sono le differenze tra le diverse figure professionali ?
Le differenze riguardano i requisiti per il riconoscimento e la possibilità di accesso alle agevolazioni previste dalle varie normative, per il settore agricolo .
La qualifica di Imprenditore Agricolo Professionale (IAP) è quella che consente l’accesso più ampio alle agevolazioni di natura urbanistica, creditizia e fiscale.
La qualifica di Imprenditore agricolo non a titolo principale (IANTP) è rilevante soltanto ai fini urbanistici in quanto consente l’ottenimento di permesso di costruire abitazioni in area agricola.
La qualifica di Imprenditore agricolo (IA) ai sensi dell’art. 2135 del Codice Civile è’ la figura più semplice di imprenditore operante in agricoltura, consente tuttavia di svolgere l’attività di agriturismo (L. 730/85 e L.R. 38/95).

Chi può presentare la domanda di riconoscimento della qualifica di Imprenditore agricolo professionale (IAP)?La domanda di accertamento della qualifica di Imprenditore Agricolo Professionale può essere presentata da persone fisiche o da Società. In entrambi i casi il richiedente deve produrre per la commercializzazione e non per l’autoconsumo.

Quali sono i requisiti necessari per ottenere la qualifica di IAP per le persone fisiche?

  • ottenere almeno il 50% del proprio reddito da lavoro dalla attività agricola;
  • dedicare almeno il 50% del proprio tempo di lavoro alla attività agricola, dedicando ad eventuali attività extragricole non più di 115 giornate lavorative annue;
  • condurre una azienda di ampiezza minima espressa in giornate convenzionali pari a 104 giornate lavorative convenzionali;
 
  • essere in possesso di capacità professionale che può essere considerata presunta, se il richiedente dimostra di lavorare da più di tre anni nel settore agricolo come dipendente, titolare di azienda o coadiuvante, oppure deve essere dimostrata con il superamento di specifico esame da sostenersi presso la Direzione Agricoltura della Provincia di Alessandria.

Quali sono i requisiti per ottenere la qualifica di IAP per le società?

  • esercizio esclusivo della attività agricola come oggetto sociale
  • numero minimo di soci (diverso a seconda della tipologia di società) individualmente in possesso dei requisiti necessari per essere considerato IAP:
    1. società semplice: almeno un socio
    2. società in accomandita: almeno un socio accomandatario
    3. società di capitali: almeno un amministratore
    4. società cooperativa: almeno un socio amministratore

Chi può presentare domanda di riconoscimento per la qualifica di Imprenditore agricolo non a titolo principale (cosiddetto part-time) – IANTP?

  • Il richiedente deve dedicare all’azienda agricola almeno il 25% del proprio tempo di lavoro
  • Il richiedente deve avere residenza e domicilio in azienda
  • L’azienda deve essere coltivata o condotta direttamente dal richiedente senza salariati fissi
  • L’azienda deve avere una ampiezza di almeno 104 giornate di lavoro convenzionali in un anno
 

A quali benefici è possibile accedere con la qualifica di Imprenditore agricolo non a titolo principale (IANTP)?Ai sensi della legge 56/77 agli Imprenditori agricoli non a titolo principale, possono essere rilasciati i permessi di costruire abitazioni in area agricola.

Chi può presentare domanda di riconoscimento per la qualifica di Imprenditore agricolo ai sensi dell’art. 2135 del Codice Civile (IA)?Secondo l’art. 2135 del Codice Civile è imprenditore agricolo chi esercita attività di coltivazione del fondo, o selvicoltura o allevamento di animali e attività connesse. Il soggetto deve produrre per la commercializzazione e non per l’autoconsumo e deve ordinariamente essere in regola con gli adempimenti che la normativa prescrive per qualunque imprenditore (Iscrizione I.V.A. – iscrizione alla Camera di Commercio salvo soglie di esenzione)

A chi compete il riconoscimento della qualifica in caso di residenza in un Comune diverso da quello del Centro aziendale?Il riconoscimento della qualifica compete al Comune in cui ha sede il Centro aziendale.