Facchinaggio

Attività

Per  “facchinaggio” si intendono quelle attività, svolte anche con l’ausilio di mezzi meccanici o con attrezzature tecnologiche, comprensive delle attività preliminari e complementari alla movimentazione delle merci e dei prodotti . Sono quindi comprese le seguenti attività:

  1. portabagagli, facchini e pesatori dei mercati agro-alimentari, facchini degli scali ferroviari, compresa la presa e consegna dei carri, facchini doganali, facchini generici, accompagnatori di bestiame, ed attività preliminari e complementari; facchinaggio svolto nelle aree portuali da cooperative derivanti dalla trasformazione delle compagnie e gruppi portuali in base all’articolo 21 della legge 28 gennaio 1994, n. 84, e successive modificazioni ed integrazioni;
  2. insacco, pesatura, legatura, accatastamento e disaccatastamento, pressatura, imballaggio, gestione del ciclo logistico (magazzini ovvero ordini in arrivo e partenza), pulizia magazzini e piazzali, depositi colli e bagagli, presa e consegna, recapiti in loco, selezione e cernita con o senza incestamento, insaccamento od imballaggio di prodotti ortofrutticoli, carta da macero, piume e materiali vari, mattazione, scuoiatura, toelettatura e macellazione, abbattimento di piante destinate alla trasformazione in cellulosa o carta e simili, ed attività preliminari e complementari.

Ulteriori informazioni relative alla attività di facchinaggio possono essere reperite sul sito della Camera di Commercio di Alessandria

Riferimenti normativi

  • Legge 05.03.2001, n. 57 (art. 17)
  • Decreto Interministeriale 30.06.2003, n. 221 (Ministero delle Attività Produttive di concerto con quello del Lavoro e delle Politiche Sociali)
  • D.P.R. 18 aprile 1994, n. 342
  • D.L. 31.01.2007, n. 7, convertito nella legge n. 40 del 2 aprile 2007
  • D.Lgs. 26 marzo 2010, n. 59
  • D.Lgs. 6 agosto 2012, n. 147 – art. 72
  • articolo 19 legge 07.08.1990, n. 241 e successive modifiche ed integrazioni
  • D.Lgs 25 novembre 2016, n.222
  • D.G.R. Piemonte n. 13-6679 del 29/03/2018

 

Uffici Comunali

SETTORE SVILUPPO ECONOMICO, MARKETING TERRITORIALE, SANITA’, AMBIENTE E PROTEZIONE CIVILE
SUAP – Sportello Unico Attività Produttive

Piazza della Libertà 1 – 15121 Alessandria
1° piano lato via San Giacomo della Vittoria
 
Dott.ssa Enrica Cattaneo tel. 0131 515339
Dott.ssa Angela Ricci
tel. 0131 515459
FAX
0131 515379
PEC: 
suap@comunedialessandria.it

Con l’entrata in vigore del   D.Lgs. 222/2016 (Tab A Sez1) e della D.G.R. 29 marzo 2018, n. 13-6679 di approvazione dei moduli unici e semplificati,  per avviare l’attività di facchinaggio è necessario presentare Segnalazione certificata di inizio attività  direttamente alla Camera di Commercio di Alessandria oppure al SUAP del Comune di Alessandria che la trasmetterà alla Camera di Commercio, autorità competente all’accertamento e alla verifica del possesso dei requisiti personali necessari per l’esercizio dell’attività .

 

Requisiti personali e di impresa

L’esercizio dell’attività di facchinaggio, è subordinato al possesso dei requisiti di onorabilità di cui all’articolo 71, comma 1, del decreto legislativo 26 marzo 2010, n. 59 che devono essere posseduti dal titolare per le imprese individuali, dai soci per le società in nome collettivo e dagli accomandatari per le società in accomandita semplice, dagli amministratori per tutte le altre società, comprese le cooperative.

Il controllo del possesso dei requisiti richiesti dalla legge compete all’ufficio Registro Imprese della Camera di Commercio di Alessandria.

Per quanto attiene la classificazione delle imprese in fasce, relativamente al volume d’affari (art. 17 L. 57/2001) le imprese di nuova costituzione o con un periodo di attività inferiore al biennio sono inserite nella fascia di classificazione iniziale.  

Ulteriori informazioni relative ai requisiti per l’esercizio della  attività di facchinaggio e alla iscrizione nelle fasce di classificazione  possono essere reperiti sul sito della Camera di Commercio di Alessandria

 

Modulistica

 

Modalità di presentazione della Segnalazione certificata di inizio attività

In caso di presentazione al SUAP,  la Segnalazione certificata di inizio attività  deve essere firmata digitalmente dal titolare e inviata tramite Posta elettronica certificata all’indirizzo Pec del SUAP : suap@comunedialessandria.it  

Qualora il richiedente fosse sprovvisto di firma digitale, la pratica può essere presentata da un soggetto munito di procura speciale secondo le modalità indicate nella pagina “Presentazione delle pratiche SUAP tramite posta certificata

In caso di SCIA condizionata per SCIA o SCIA unica più richiesta di autorizzazione per insegna di esercizio, la domanda di autorizzazione per mezzi pubblicitari deve essere presentata esclusivamente in via telematica attraverso la piattaforma regionale SUAPPiemonte

Ulteriori informazioni relative alle modalità di presentazione di domande per il rilascio di autorizzazioni per mezzi pubblicitari possono essere reperite nella pagina “Mezzi pubblicitari”.

 

Costi

 Non sono previsti diritti di istruttoria a favore del Comune.