Condividi

Luminarie

Per luminarie si intendono impianti provvisori elettrici per straordinarie illuminazioni pubbliche, in occasione di festività civili o religiose o in qualsiasi altra contingenza. 

Le luminarie si presentano come un’insieme di catene luminose alimentate da un impianto elettrico, dal punto di vista normativo sono equiparati agli apparecchi di illuminazione e come tali devono risultare conformi alle norme tecniche specificatamente previste per gli impianti provvisori di illuminazione

L’installazione di impianti provvisori elettrici per straordinarie illuminazioni pubbliche in occasione di festività civili o religiose o in qualsiasi altra contingenza è soggetta a comunicazione corredata dalla certificazione  di  conformità degli impianti di cui all’articolo 7 del decreto del Ministro dello sviluppo economico 22 gennaio 2008, n. 37.

Il D. Lgs. 25 novembre 2016, n. 222 ha infatti modificato l’articolo 110 del Regolamento di esecuzione del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, che prevedeva un’apposita autorizzazione di cui all’articolo 57 del TULPS per la costruzione temporanea di luminarie, cioè di catene luminose alimentate da un impianto elettrico.

La comunicazione è presentata allo Sportello unico per le attività produttive tramite posta elettronica certificata.

Restano ferme le autorizzazioni  per l’occupazione di  suolo pubblico previste dai regolamenti comunali, nonché il rispetto del codice  della strada.

 

RIFERIMENTI NORMATIVI

 

UFFICI COMUNALI

SETTORE SVILUPPO ECONOMICO, MARKETING TERRITORIALE, SANITA’, AMBIENTE E PROTEZIONE CIVILE
SUAP – Sportello Unico Attività Produttive

Piazza della Libertà 1 – 15121 Alessandria 
1° piano lato via San Giacomo della Vittoria
 
Dott.ssa Enrica Cattaneo tel. 0131 515339
Dott.ssa Angela Ricci tel. 0131 515459
FAX 0131 515379
PEC:  suap@comunedialessandria.it

 

MODULISTICA

 

REQUISITI SOGGETTIVI

Scopo della normativa è salvaguardare l’incolumità pubblica e quindi evitare che la scarsa professionalità ovvero l’assenza di capacità tecnica da parte di chi effettua la predisposizione e il montaggio degli impianti possano essere motivo di infortuni o comunque di situazioni di pericolo per la popolazione. Il soggetto che installa gli impianti deve essere abilitato e tale abilitazione deve risultare dall’iscrizione alla C.C.I.A.A.

 

REQUISITI PER L’ESERCIZIO DELL’ATTIVITÀ

Le luminarie devono essere installate in modo che sia garantita la massima sicurezza per i cittadini e tutelata l’incolumità di persone ed animali e la sicurezza delle cose;

  • dovrà essere garantita la resistenza agli agenti atmosferici;
  • l’ancoraggio diretto sulla facciata avverrà solo previo nulla osta scritto del proprietario e sarà provveduto al ripristino a regola d’arte della facciata
  • l’ancoraggio ai pali e lampioni della pubblica illuminazione, alle strutture di sostegno di cavi ENEL, Telecom, alle piante e qualsiasi opera o cosa di pubblico interesse non potrà avvenire senza che sia stata preventivamente ottenuta l’autorizzazione da parte dell’Ente proprietario
  • gli impianti elettrici saranno mantenuti in perfetta efficienza da personale in possesso di appositi requisiti professionali
  • l’installazione dovrà avvenire in conformità alle disposizioni contenute nel Decreto Legislativo 30/04/1992, n. 285, “Nuovo codice della strada” e nel Decreto del Presidente della Repubblica 16/12/1992, n. 495.
 

COSA OCCORRE FARE

Fine modulo

Per installare le luminarie occorre presentare allo Sportello Unico delle Attività Produttive

  • Comunicazione di installazione delle luminarie

A cui andranno allegati:

  • Planimetria con indicata l’esatta ubicazione degli addobbi luminosi e i punti del collegamento elettrico
  • Certificazione di conformità degli impianti a firma di tecnico abilitato ai sensi del D.M. 37/2008
  • Copia della polizza assicurativa C.T. per danni causati a terzi che copra il periodo di installazione delle luminarie
  • Copia del documento di identità del sottoscrittore della richiesta e del titolare della Ditta installatrice
 

PRESENTAZIONE DELLA SCIA E DELLE COMUNICAZIONI AL SUAP

La Comunicazione  e tutti gli allegati devono essere inviati al SUAP tramite Posta elettronica certificata all’indirizzo Pec suap@comunedialessandria.ite sottoscritti con firma digitale.
Qualora il richiedente fosse sprovvisto di firma digitale, la pratica può essere presentata da un soggetto munito di procura speciale secondo le modalità indicate nella pagina “Presentazione delle pratiche SUAP”.
Il Comune provvederà a rilasciare ricevuta di presentazione. Il richiedente potrà iniziare immediatamente l’attività all’atto del ricevimento della ricevuta.

In caso la Comunicazione  sia irregolare o incompleta il Comune ne dà comunicazione all’interessato entro dieci giorni dalla presentazione e ne chiede la regolarizzazione.

 

COSTI

Non sono previsti costi per oneri di istruttoria.