Condividi

5 PER MILLE. Impiego della quota assegnata dai contribuenti

Settore: Settore Servizi Demografici, Politiche Educative, Politiche Culturali e Sociali.
Dirigente del Settore: dott.ssa Rosella Legnazzi
Servizio: Solidarietà e Integrazione Sociale
Ufficio Competente: Bonus utenza e interventi pro sociali
Indirizzo: Palazzo comunale, Piazza Libertà 1 – lato sinistro, piano terra
Riferimento: Dott. ssa Gabriella Campassi
Telefono: 0131 515312
Email: comunedialessandria@legalmail.it

Grazie ai cittadini che destinano il 5xmille dell’IRPEF al Comune di Alessandria, ogni anno possono essere realizzate diverse attività in ambito sociale, in sinergia e raccordo con gli Enti e le Associazioni competenti in settori specifici dei servizi alla persona.


RELAZIONI E RENDICONTI
Con le risorse percepite nell’anno 2019:

Con le risorse percepite nell’anno 2018:

 
 

Con le risorse percepite nell’anno 2017 (imposta anno 2014, anno finanziario 2015) il Comune di Alessandria ha contribuito a rafforzare le attività statutarie svolte da Opere di Giustizia e Carità Onlus, per la locale Caritas Diocesana, e dall’Associazione Anteas di Alessandria, quest’ultima con il servizio “Trasporto amico”, come dettagliatamente illustrato nella RELAZIONE predisposta a consuntivo e nei due RENDICONTI in allegato.

 

COME  FARE
In sede di dichiarazione dei redditi, il contribuente può destinare una quota pari al 5 per mille dell’imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) a sostegno di attività sociali svolte dal Comune di Alessandria (codice fiscale/partita I.V.A. n. 00429440068) utilizzando i modelli di dichiarazione (Modello Unico PF, Modello 730) oppure l’apposita scheda allegata al CUD, quest’ultima per tutti coloro che sono dispensati dall’obbligo di presentare la dichiarazione dei redditi. È consentita una sola scelta di destinazione.
La scelta di destinazione del 5 per mille e quella dell’8 per mille  non sono alternative fra loro.

 
 
modulo scelta destinazione del cinque per mille
 
 

RIFERIMENTI NORMATIVI
L’articolo 1 comma 154 della legge n. 190 del 23 dicembre 2014 (legge di stabilità 2015) ha confermato l’applicazione delle disposizioni di cui al decreto legge n. 40 del 25 marzo 2010, convertito con modificazioni dalla legge n. 73 del 22 maggio 2010, relative al riparto della quota del 5 per mille dell’imposta sul reddito delle persone fisiche in base alla scelta del contribuente al Comune di residenza, anche relativamente all’esercizio finanziario 2015 e ai successivi.