Condividi

Occupazione suolo pubblico non sup. 6 h/g

Unità Organizzativa: Servizio Autonomo Polizia Locale
Responsabile: Comandante Vicario Alberto Bassani (in P.O.)
Ufficio competente: Nucleo Autorizzazioni
Indirizzo: Via Borsalino, 4 - 15121 Alessandria
Orario al pubblico: da lunedì a venerdì dalle ore 9.00 alle ore 12.00
Telefono: 0131 515671 - 0131 515600
Fax: 0131 515674
Numero Verde: 800 206625
E-Mail: ufficiopermessi@comune.alessandria.it

COSA FA L'UFFICIO
L'Ufficio rilascia un'autorizzazione a chiunque intende occupare uno spazio pubblico o un'area privata sottoposta a servitù di passaggio pubblico per effettuare interventi con durata inferiore alle sei ore giornaliere anche se ripetute nell'arco di cinque giorni lavorativi.
Gli interventi per i quali può essere richiesta l'autorizzazione sono tassativamente quelli elencati all'articolo 45, comma 1, lettere e), g), i), t) del Regolamento del canone per l'occupazione degli spazi ed aree pubbliche (regolamento COSAP) ed in particolare:

  • traslochi;
  • interventi di manutenzione del verde ( ex potatura alberi) con mezzi o scale meccaniche o automezzi;
  • lavori di pronto intervento con ponti, steccati, scale, pali di sostegno, trabattelli per piccoli lavori di riparazione manutenzione o sostituzione infissi, pareti coperture;


DOVE E COME PRESENTARE LA RICHIESTA
Per i titolari di Posta Elettronica  Certificata ( PEC ),  è obbligatorio che la domanda venga inviata esclusivamente al seguente indirizzo di posta elettronica: comunedialessandria@legalmail.it  dopo aver compilato il modulo scaricabile a fondo pagina ed aver apposto  una marca da bollo da 16.00 €.
La domanda va invece presentata presso il Nucleo Autorizzazioni compilando il modulo scaricabile a fondo pagina apponendo una marca da bollo da 16.00 €, esclusivamente da coloro che non sono titolari di PEC.
Sono esentate dall'apposizione della marca le ipotesi previste nell'allegato B del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 642 (Disciplina dell'imposta di bollo) e successive modificazioni ed integrazioni (ad esempio le domande presentate dalle pubbliche amministrazioni, dalle ONLUS e dei partiti politici).

CHI PUÒ PRESENTARE LA RICHIESTA
La domanda deve esser presentata dal soggetto che effettua l'intervento.
La domanda deve specificare:

  • l'oggetto della richiesta e la superficie che si intende occupare in metri lineari (larghezza e lunghezza) ed i metri quadrati totali, nonché la durata temporale dell'occupazione;
  • se l'occupazione comporta l'adozione di provvedimenti viabili, quale ad esempio la chiusura di una strada o la realizzazione del senso unico alternato, il divieto di sosta antistante l'area oggetto di occupazione...., con indicazione dei tratti stradali interessati;
  • se per effettuare l'occupazione è necessario il transito di un mezzo superiore ai 50 quintali nelle vie del centro urbano o nei quartieri e sobborghi cittadini in cui vige il divieto di transito a tali mezzi, per il rilascio della relativa autorizzazione in deroga.

DOCUMENTI DA PRESENTARE
Vedi documenti elencati nella domanda scaricabile a fondo pagina.

QUANDO PRESENTARE LA RICHIESTA
La domanda deve essere presentata almeno quindici giorni prima della data richiesta per effettuare l'intervento.
Il Nucleo Autorizzazioni provvede all'istruttoria della pratica e in caso di istanze incomplete della documentazione richiesta chiede l'integrazione della domanda.

COSTO PER IL CITTADINO
L'occupazione è gratuita ai sensi dell'articolo 45, comma 1, lettere e), g), i), t) del Regolamento COSAP. 


RIFERIMENTI NORMATIVI

  1. Regolamento per la disciplina e l'applicazione del Canone per l'Occupazione degli Spazi ed Aree Pubbliche, approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 18 del 18 febbraio 2000 e successive modifiche ed integrazioni, scaricabile dalla pagina del sito dedicata ai regolamenti comunali.
  2. Decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285 (Nuovo Codice della Strada) e successive modifiche ed integrazioni;
  3. Decreto del Presidente della Repubblica 16 dicembre 1992, n. 495 (regolamento di attuazione del Nuovo Codice della Strada);
  4. Allegato B del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 642 (Disciplina dell'imposta di bollo).

ALLEGATI