Condividi

Matrimonio e unione civile

Ufficio competente: Ufficio Matrimoni e Unioni Civili
Indirizzo: Palazzo Comunale, lato sinistro, secondo piano
Telefono: 0131 515427 – 0131 515177
E-mail: mario.cigallino@comune.alessandria.it - mariaadelaide.ruffini@comune.alessandria.it
 

COSA FA L’UFFICIO

L’Ufficio cura tutti gli adempimenti connessi e conseguenti alla celebrazione del matrimonio e dell’unione civile.

DOVE E COME PRESENTARE LA RICHIESTA

Eseguite le pubblicazioni di matrimonio, senza opposizioni, i nubendi, nel giorno e nell’ora concordati con l’Ufficio, si presentano nella Casa Comunale (Sala Giunta del Palazzo Comunale o Villa Guerci) per la celebrazione del matrimonio civile, insieme a due testimoni maggiorenni, tutti muniti di documento di riconoscimento in corso di validità.Registrata la richiesta di costituzione dell’unione civile, gli unendi civili, nel giorno e nell’ora concordati con l’Ufficio, si presentano nella Casa Comunale (Sala Giunta o Ufficio Matrimoni e Unioni Civili del Palazzo Comunale o Villa Guerci) per la registrazione della dichiarazione di costituzione dell’unione civile, insieme a due testimoni maggiorenni, tutti muniti di documento di riconoscimento in corso di validità.

CHI PUÒ PRESENTARE LA RICHIESTA

I nubendi, per i quali siano state eseguite le pubblicazioni di matrimonio, senza alcuna opposizione, possono contrarre matrimonio con rito civile.
Possono, altresì, contrarre matrimonio con rito civile i nubendi cittadini stranieri non residenti o non domiciliati in Italia che presentano idonea documentazione da verificare presso l’Ufficio.
Gli unendi dello stesso sesso, effettuate le verifiche su quanto dichiarato dagli stessi in sede di registrazione della richiesta, entro 30 giorni possono rendere la dichiarazione di costituzione dell’unione civile.

DOCUMENTI DA PRESENTARE

Ai fini della prenotazione della sala e della data di celebrazione del matrimonio/unione civile i nubendi/unendi devono presentare:

  • attestazione o copia della ricevuta di avvenuto pagamento della somma di €uro 100,00 (qualora dovuta) con indicazione della causale “prenotazione sala per celebrazione matrimonio con rito civile/unione civile”;
  • copia del documento di identità valido di due testimoni maggiorenni.

Almeno 10 giorni prima della data di celebrazione del matrimonio/unione civile:

  • i nubendi/unendi devono comunicare all’Ufficio l’eventuale volontà di variare il regime patrimoniale già scelto in sede di pubblicazioni di matrimonio/richiesta di costituzione dell’unione civile;
  • se un nubendo/unendo non conosce la lingua italiana, deve indicare all’Ufficio un interprete, maggiorenne e munito di un documento di identità in corso di validità, per assisterlo nel rendere le dichiarazioni previste;
  • se il nubendo/unendo è sordo, muto o non vedente, la dichiarazione è ricevuta, in alcuni casi, con l’ausilio di un assistente, scelto di preferenza fra le persone abituate a trattare col medesimo, o con forme e mezzi idonei a garantire la conformità della dichiarazione stessa alla volontà del dichiarante.

SCADENZA

Il matrimonio non può essere celebrato prima del 4° giorno compiuta la pubblicazione e non oltre il 180° giorno dalla stessa.L’unione civile può essere celebrata entro 30 giorni dalla registrazione della richiesta di costituzione dell’unione civile e non oltre il 180° giorno dalla stessa.

MODALITÀ E TEMPI DI RISPOSTA

I matrimoni di regola vengono celebrati:

  • il giovedì mattina (purché non festivo) nella Sala Giunta del Palazzo Comunale, in base a prenotazione;
  • fuori dall’orario di apertura al pubblico presso la sede di-staccata di Villa Guerci, sita in Via Faà di Bruno n. 70, con la seguente programmazione:
    1. ogni sabato del mese: mattino
    2. 2° e 4° sabato del mese: anche pomeriggio
    3. sono escluse le feste nazionali

Celebrante è il Sindaco, in qualità di Ufficiale dello Stato Civile, ovvero gli Assessori, i Consiglieri Comunali o gli Ufficiali dello Stato Civile appositamente delegati.


L’Ufficio a seguito della celebrazione:

  • provvede alla registrazione dell’atto di matrimonio/della unione civile e alle connesse comunicazioni di sua competenza ai sensi della normativa vigente;
  • quando richiesto dagli sposi, rilascia, ai sensi delle convenzioni internazionali in materia, il libretto internazionale di famiglia.

COSTO PER IL CITTADINO

La prenotazione della sala per la celebrazione del matrimonio civile/unione civile di regola è:

  • gratuita nel caso di matrimonio/unione civile in Sala Giunta se almeno un nubendo/unendo è residente nel Comune di Alessandria;
  • a titolo oneroso con il pagamento di un contributo spese pari a €uro 100,00 nel caso di matrimonio/unione civile celebrato/a presso Villa Guerci ovvero anche in Sala Giunta se entrambi i nubendi/unendi sono residenti in altro Comune;
  • per le sole unioni civili, non sussistendo l’obbligo della pubblicità della celebrazione, gli unendi possono richiederne la celebrazione presso l’Ufficio Matrimoni e Unioni Civili alla presenza dei soli testimoni.

RIFERIMENTI NORMATIVI

  • Artt.99 e segg. e artt. 106 e segg. del Codice Civile
  • Legge 31 maggio 1995, n. 218 (Riforma del sistema italiano di diritto internazionale privato)
  • P.R. 3 novembre 2000, n. 396 (Regolamento per la revisione e la semplificazione dell’ordinamento dello stato civile) e s.m.i.
  • M. 27 febbraio 2001 (Tenuta dei registri dello stato civile nella fase antecedente all’entrata in funzione degli archivi informatici)
  • Legge 20 maggio 2016, n. 76 (Regolamentazione delle unioni civili tra persone dello stesso sesso e disciplina delle convivenze)
  • Decreto Presidente Consiglio dei Ministri 23 luglio 2016, n. 144 (Regolamento recante disposizioni transitorie necessarie per la tenuta dei registri nell’archivio dello stato civile, ai sensi dell’articolo 1, comma 34, della legge 20 maggio 2016, n. 76)
  • Lgs. 19 gennaio 2017, n. 5 (Adeguamento delle disposizioni dell’ordinamento dello stato civile in materia di iscrizioni, trascrizioni e annotazioni, nonché modificazioni ed integrazioni normative per la regolamentazione delle unioni civili, ai sensi dell’articolo 1, comma 28, lettere a) e c), della legge 20 maggio 2016 n. 76)
  • Lgs. 19 gennaio 2017, n. 6 (Modificazioni ed integra-zioni normative in materia penale per il necessario coordinamento con la disciplina delle unioni civili, ai sensi dell’articolo 1, comma 28, lettera c), della legge 20 maggio 2016 n. 76)
  • Lgs. 19 gennaio 2017, n. 7 (Modifiche e riordino delle norme di diritto internazionale privato per la regolamentazione delle unioni civili, ai sensi dell’articolo 1, comma 28, lettera b), della legge 20 maggio 2016 n. 76)
  • Circolari del Ministero di Grazia e Giustizia e del Ministero dell’Interno attinenti ed esplicative

IN EVIDENZA

Se uno dei due nubendi/unendi non può recarsi presso il luogo della celebrazione, per infermità o per altro giustificato motivo, l’Ufficiale dello Stato Civile e il Segretario Comunale si trasferiscono nel luogo in cui si trova il nubendo/unendo impossibilitato a muoversi per celebrarne il matrimonio/unione civile. In questo caso occorrono 4 testimoni maggiorenni e lo stato di impedimento deve essere opportunamente documentato all’Ufficio.
Normalmente il matrimonio/unione civile viene celebrato/a dall’Ufficiale dello Stato Civile al quale è stata richiesta la pubblicazione. Tuttavia può essere celebrato anche in un altro Comune se i nubendi/unendi fanno richiesta in tal senso.
Considerata la particolarità e complessità del relativo procedimento si consiglia di contattare sempre preventivamente l’Ufficiale dello Stato Civile addetto anche per la compilazione della modulistica di riferimento.