Condividi

Modalità di presentazione, Oneri, Localizzazione

PRESENTAZIONE DELLE PRATICHE

Nella sezione Procedimenti e Modulistica sono disponibili i modelli utilizzabili per la redazione della istanza o della Segnalazione di inizio attività o della comunicazione o della Autocertificazione  necessari per la installazione o la modifica delle caratteristiche degli impianti radioelettrici.

In ognuno dei modelli sono indicati i documenti che è necessario allegare .

L’istanza, la segnalazione, la comunicazione e la autocertificazione, comprensive degli allegati previsti per ogni procedimento, devono essere sottoscritti con firma digitale e presentati  esclusivamente in modalità telematica al SUAP di Alessandria tramite invio alla casella PEC del SUAP comunedialessandria@legalmail.it. In caso di presentazione da parte di un soggetto delegato deve essere allegata procura speciale alla sottoscrizione e/o alla presentazione telematica.
Il SUAP procederà alla  trasmissione all’ARPA Dipartimento tematico radiazioni, della documentazione di competenza .

 

COMUNICAZIONE DI AVVENUTA REALIZZAZIONE DELLE OPERE E CERTIFICAZIONE DI CONFORMITA DEGLI IMPIANTI

Ad avvenuta realizzazione dell’intervento, ai sensi dell’art. 87 c.10 del D.lgs 259/2003 e dell’art. 13 comma 1 della L.R. 19/2004, i gestori degli impianti radioelettrici certificano all’amministrazione comunale la conformità dell’impianto e delle reti ai requisiti di sicurezza previsti dalla normativa vigente, e alle condizioni tecniche e di campo elettromagnetico definite nell’autorizzazione. A tale scopo trasmettono alla casella PEC del SUAP comunicazione redatta secono il modello Allegato E

 

TEMPI DEL PROCEDIMENTO

Il procedimento di rilascio della autorizzazione deve concludersi entro 90 giorni dalla presentazione dell’istanza. Il responsabile del procedimento può chiedere, entro 15 giorni dalla presentazione dell’istanza, il rilascio di dichiarazioni o l’integrazione della documentazione interrompendo i termini del procedimento che riprendono a decorrere dal momento dell’avvenuta integrazione documentale.

Nel caso di rilascio di AUTORIZZAZIONE, l’attività può essere iniziata dopo il rilascio della autorizzazione, previo parere tecnico favorevole dell’ARPA ; le istanze si intendono accolte se entro novanta giorni dalla presentazione del progetto non sia stato comunicato un provvedimento di diniego o un parere negativo da parte dell’ARPA.

Nel caso di Segnalazione certificata di inizio attività ,qualora entro trenta giorni dalla presentazione del progetto e della relativa domanda sia stato comunicato un provvedimento di diniego da parte dell’ente locale o un parere negativo da parte dell’ARPA, la segnalazione è priva di effetti.

Per i procedimenti per i quali sia previsto l’invio di comunicazione o di autocertificazione, queste sono trasmesse all’ARPA Dipartimento tematico radiazioni; in questi casi l’ARPA non rilascia  parere tecnico.

 

IMPOSTA DI BOLLO

L’istanza e il rilascio di autorizzazione alla installazione o modifica di impianti sono soggetti all’imposta di bollo  di Euro 16,00.

La SCIA, le comunicazioni e le autocertificazioni non sono soggette alla imposta di bollo.

 

ONERI DI ISTRUTTORIA

Il soggetto che presenta  istanza di autorizzazione alla installazione o modifica di impianti di cui all’art. 87 del D.Lgs 259/2003, nonché il soggetto che presenta  Segnalazione certificata di inizio attività ai sensi dell’art. 87bis della stessa legge , è tenuto, qualora il parere ambientale positivo o negativo sia rilasciato dall’ARPA entro il termine di trenta giorni dalla presentazione dell’istanza o della SCIA,  al versamento di un contributo per le spese di rilascio del parere a favore dell’A.R.P.A.

All’atto del rilascio del parere, il SUAP provvede a  richiedere, se dovuto,  il versamento del contributo a favore dell’ARPA.

L’importo del contributo è stabilito a livello nazionale ( legge 221/2015 articolo 64 e D.M. 14 ottobre 2016).

 

LOCALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI SUL TERRITORIO DEL COMUNE DI ALESSANDRIA

Con C.C. n.46/20/35 del 20/03/2006 il Comune di Alessandria ha adottato il “Regolamento Comunale per l’installazione degli impianti radioelettrici” con cui sono stati approvati i criteri per la localizzazione degli impianti radioelettrici:

  • Per gli impianti destinati alla telefonia mobile sono individuate nel “Regolamento Comunale per l’installazione degli impianti radioelettrici” aree sensibili (all.1 del Regolamento Com. ) in cui l’installazione è vietata; zone di installazione condizionata (all.2 del Regolamento) e zone neutre in cui l’installazione è consentita ; zone di attrazione (allegato 3 del Regolamento) in cui la installazione gode di procedure agevolate.
  • Per gli impianti di radiodiffusione sonora e televisiva sono individuate nel reg. Comunale aree sensibili (allegato 4 del Regolamento) in cui l’installazione è vietata ; zone di installazione condizionata (all.5 del Regolamento) e zone neutre in cui l’installazione è consentita ; zone di attrazione (allegato 6 del Regolamento) in cui la installazione gode di procedure agevolate.
 

COSTRUZIONE DI TORRI E TRALICCI

Qualora per l’installazione e la modifica degli apparati per le trasmissioni telefoniche e radio televisive sia prevista contestualmente la costruzione e la modifica sostanziale di tralicci, torri, antenne e/o altre strutture, all’atto della presentazione della S.C.I.A.  o dell’istanza di autorizzazione, è necessario altresì presentare la documentazione specifica prevista ai sensi del D.P.R. 380/2001:

  • Disegni di progetto
  • Progettazione degli impianti tecnologici in conformità al DM 37/2008.
  • Relazione sulle strutture
  • Dichiarazione di fattibilità strutturale

Si ricorda inoltre che al fine di assicurare il rispetto delle prescrizioni dettate per le costruzioni in zone sismiche, su tutto il territorio regionale ogni costruzione, riparazione e sopraelevazione di consistenza strutturale e le varianti sostanziali ai progetti  di opere già oggetto di denuncia, sono sottoposti, ai sensi dell’art. 93 del D.P.R. 6 giugno 2001 n. 380, all’obbligo di denuncia prima dell’inizio dei lavori conforme alle procedure di cui  alla Deliberazione della Giunta Regionale 12 dicembre 2011, n. 4-3084  “D.G.R. n. 11-13058 del 19/01/2010. Approvazione delle procedure di controllo e gestione delle attivita’ urbanistico-edilizie ai fini della prevenzione del rischio sismico attuative della nuova classificazione sismica del territorio piemontese” modificata con Deliberazione della Giunta Regionale 3 febbraio 2012 n. 7-3340.

(Comune di Alessandria zona sismica 3)

Riferimento: Procedure di controllo e gestione delle attività urbanistico-edilizie ai fini della prevenzione del rischio sismico  -Tel.  0131/515122