1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Vai alla pagina iniziale
Testata per la stampa

Menu di sezione

Vai alla versione stampabile della pagina

Contenuto della pagina

Via Libera.AL

Logo ViaLibera.AL


ViaLibera.AL è il progetto che ha mappato il grado di accessibilità per le persone con disabilità motoria delle strutture pubbliche (uffici, cinema e teatri, scuole di ogni ordine e grado, musei), dei parcheggi dedicati ai disabili e dei locali adibiti all'accoglienza (bar, ristoranti, alberghi) siti nella città di Alessandria e nei sobborghi.

Clicca qui per accedere alla piattaforma Wheelmap


Analisi del lavoro svolto

Obiettivo iniziale del progetto era di rilevare il grado di accessibilità delle strutture (uffici pubblici, cinema e teatri, scuole di ogni ordine e grado, musei), dei parcheggi dedicati ai disabili e dei locali adibiti all'accoglienza (bar, ristoranti, alberghi) siti all'interno degli spalti di Alessandria.
Gli obiettivi prefissati dal PPU sono stati ampliamente raggiunti e superati dal gruppo di lavoro coinvolto. Al termine del progetto, sono stati rilevati ed elaborati circa duemila punti tra le varie tipologie censite, analizzando non solo il centro città, ma tutti i quartieri dell'area urbana alessandrina e tutti i sobborghi per un totale di ventinove zone.
I dati raccolti sono stati elaborati e inseriti sulla piattaforma www.open streetmap.org e su wheelmap.org/it/map, disponibili per tutti in formato aperto (open data).
Wheelmap è un sito nato in Germania, disponibile in 22 lingue, fruibile su computer, tablet e smartphone, che recensisce quasi 600.000 luoghi e che a livello europeo segnala l'accessibilità delle varie strutture presenti sul territorio; con un certo orgoglio possiamo, visitando il sito, verificare che la zona di Alessandria è tra le più particolareggiate del Nord ovest.
Contemporaneamente si è avviata anche l'analisi di percorsi dedicati per raggiungere alcuni punti d'interesse (ad esempio il percorso culturale, dal Museo del Cappello al Museo delle Scienze passando del Duomo, Sale d'Arte, Biblioteca, Palatium Vetus e Museo della Gamberina), partendo dalla Stazione e dagli alberghi della città.
È stato anche effettuato un rilievo con la relativa descrizione della fruibilità delle aree cittadine coinvolte nelle manifestazioni che si svolgono periodicamente in Alessandria (ad esempio, descrizione del manto pedonale e definizione del percorso migliore da percorrere per fruire dell'area dei portici di Piazza Garibaldi e Piazza Marconi, sito dove si svolgono le manifestazioni Mercatino delle Memorie e quello di Natale).
È stata anche attivata una pagina di Facebook, VialiberaAl, dove viene pubblicizzata l'iniziativa di mappatura e dove tutti i cittadini si possono confrontare e apportare segnalazioni, suggerimenti e commenti sul tema della disabilità.


Analisi finale

Il Progetto Via Libera.AL è un'analisi della accessibilità, una fotografia ad oggi, del territorio comunale, ma per avere un'utilità reale dovrebbe non cristallizzarsi nella data della sua conclusione, ma avere una naturale continuazione ed espansione, aggiornando i dati con il mutare della situazione territoriale, solo così può essere uno strumento utile alla comunità.
Durante i sei mesi della durata del contratto, la squadra di lavoro, ha seguito, organizzato dal Comune, un corso di Open Data, nel quale si è sottolineata l'importanza della liberazione e il libero utilizzo dei dati pubblici, appartenenti ai vari uffici delle diverse amministrazioni.
Liberazione e utilizzo che, oltre a portare una maggiore fluidità e comunicazione all'interno dei vari uffici si pone l'obbiettivo di giungere ad una maggiore fruizione e condivisione dei dati stessi da parte dei cittadini.
I componenti della suddetta squadra ritengono che, alla luce delle innovazione in campo informatico, che si prospettano nelle P.A. in un immediato futuro, le competenze da loro acquisite, e la metodologia del lavoro ormai consolidata, possano essere un valido strumento da utilizzare in progetti ed ambiti differenti.

 
 

Il progetto

 

I percorsi